Seguici su Facebook

Ricerca un città o un consiglio

#10 Orto Botanico

Via Orto Botanico 15, 35123 Padova, Italia
L’orto Botanico di Padova fu fondato nel 1545 come orto medicinale dell'Università di Padova ed è il primo e più antico orto botanico universitario tuttora esistente.
“E' all'origine di tutti gli orti botanici del mondo e rappresenta la culla della scienza, degli scambi scientifici e della comprensione delle relazioni tra la natura e la cultura. Ha largamente contribuito al progresso di numerose discipline scientifiche moderne e segnatamente botanica, medicina, chimica, ecologia e farmacia”.
Con queste parole, nel 1997, l’UNESCO l'ha inserito nella World heritage list dei siti da tutelare.
E’ stato fondato per l’intuizione di Francesco Bonafede, titolare della cattedra di ‘lettura dei semplici’ dell’Università di Padova, in quanto si rese conto che gli studenti avevano bisogno dell’esperienza diretta di toccare con mano le erbe medicinali per saperle riconoscere ed utilizzare invece di utilizzare i testi latini, greci o arabi; trattasi quindi del primo approccio sperimentale e pratico di studio. La Repubblica Veneta ha dato l’assenso per l’interesse di importare nuove specie che le scoperte d’Oriente regalavano. Fin dall’inizio ha avuto la struttura che possiamo ammirare: una circonferenza con un quadrato inscritto, che a sua volta è diviso in quattro parti da due viali orientati secondo i quattro punti cardinali.
Tra il perimetro del quadrato e la circonferenza ci sono otto zone triangolari.
Ciascuna delle quattro zone centrali ha una fontana e 250 ‘particelle’ disposte secondo vari disegni geometrici, in ciascuna particella trova dimora una pianta.
Ogni quarto prende il nome da un albero di cui i due più famosi e antichi sono il quarto del Ginkgo Biloba (piantato nel 1750 d.C.) e la Magnolia Grandiflora (piantata nel 1786 d.C.).

Curiosità
Il muro circolare che delimita l’Hortus Cinctus fu fatto circa sette anni dopo la fondazione per i continui furti di piante medicinali come confermato da una relazione dell’epoca.

All’interno dell’Orto Botanico di Padova si trova la Palma di San Pietro detta Palma di Goethe, messa a dimora nel 1585, così chiamata in seguito alla visita del grande poeta tedesco nel 1786 d.C. che dopo averla osservata formulò il trattato ‘Saggio sulla metamorfosi delle piante’. Essa è la più antica pianta vivente presente.

Nel settembre del 2014 è stata inaugurata la nuova ampia area dell’Orto Botanico a sud, detta il giardino della biodiversità, secondo un progetto di Giorgio Strappazzon.
Si trova in una zona la cui unica struttura antica ancora esistente è la ghiacciaia ottocentesca del Giardino Pacchierotti (il famosissimo e ricchissimo ‘Pavarotti’ castrato del 1700). Il suo giardino era adiacente al favoloso castello, ormai andato perduto, che sorgeva sull’attuale Antonianum e dintorni.

Comments